Caso di Successo: Free to be me

Caso di successo Free to be me 

“Volevo che tutti ricevessero lo stesso supporto che ho avuto io in Smurfit Kappa,” dichiara Lilia Nahon, Human Resources Director di Smurfit Kappa Mexico, “Sapere di avere alleati e portare tutta la tua esperienza nel tuo lavoro è un'enorme risorsa per l’azienda. Tuttavia, per poter realizzare tutto ciò, la nostra sfida più grande era trovare un punto di inizio: il mese del Pride era vicino, quindi l'abbiamo usato come nostra piattaforma di lancio.”

Abbiamo iniziato le nostre celebrazioni del Pride creando una serie di materiali tutti incentrati sul tema "Free to be Me": le definizioni di LGBTQ+, banner, poster, frame di Instagram e post da utilizzare sui social media.

"Poi abbiamo organizzato tre momenti di conversazione virtuali ed informali: li ho apprezzati tantissimo", ha aggiunto Lilia. "400 persone hanno sentito parlare della vita dei dipendenti LGBTQ+, inclusa la nostra prima collaboratrice trans, che ha parlato in modo commovente di come essere trattata con dignità sul lavoro abbia cambiato la sua vita".

"400 è la partecipazione più numerosa che abbiamo avuto per un evento", afferma Stefano Gambarotta, European Talent & Leadership Development Manager. "E ha preso slancio: le persone ringraziano i nostri ospiti e raccontano le proprie storie, oltre a quelle dei loro amici, bambini e familiari". "Queste storie non ascoltate prima, sono importanti", dice Lilia, "Impariamo così tanto attraverso l'empatia e la comprensione".

"LGBTQ+ e Alleati" è una delle comunità all'interno del nostro programma “EveryOne, inclusione, diversità e uguaglianza”. La nostra ambizione è creare un ambiente di lavoro globale in cui tutti siano uguali, appartengano e prosperino indipendentemente dall'orientamento sessuale, dall'identità di genere o di espressione. Ciò include l'uguaglianza e la libertà alla discrezione per le persone che non vogliono dichiararsi come LGBTQ+.

"Smurfit Kappa è presente in molti paesi con culture diverse", aggiunge Stefano. "Siamo solo all'inizio del nostro viaggio, ma speriamo che i nostri eventi abbiano aperto canali di conversazione e attirino e trattengano persone, in linea con i valori dell'azienda, di tutte le comunità. Se non li accettiamo e non li facciamo crescere, li perderemo tutti o in parte”.

Questo messaggio ha il supporto del nostro Top Management mondiale, tra cui Tony Smurfit, Sharon Whitehead e lo sponsor LGBTQ+ Edwin Goffard. Smurfit Kappa è uno dei firmatari della Dichiarazione di Amsterdam, che garantisce uguali diritti a tutti. Smurfit Kappa ha anche collaborato con Accenture, per creare un appello globale volto ad aumentare la consapevolezza e incoraggiare i numerosi sostenitori della comunità LGBTQ+ all'interno dell'organizzazione.

“È meraviglioso far parte di qualcosa che può cambiare la vita delle persone”, dice Lilia.