Come possiamo aiutarti?
Come posso aiutarti oggi?

Approvvigionamento Sostenibile

 

L’approvvigionamento sostenibile rappresenta una parte integrante della visione e della strategia della sostenibilità di Smurfit Kappa.

Per poter far crescere in modo sostenibile la nostra azienda, i nostri materiali, beni e servizi devono avere la giusta qualità e il giusto costo ma devono anche essere reperiti in modo sicuro e responsabile.

Il nostro programma di approvvigionamento sostenibile va oltre quanto richiesto dalle norme. Sviluppando filiere più sostenibili, siamo in grado di gestire rischi e costi, possiamo innovare, creare nuovi profitti e creare valore al brand Smurfit Kappa ed a quello dei nostri clienti.

Il programma di approvvigionamento sostenibile di Smurfit Kappa è costruito su sette pilastri: qualità, igiene e sicurezza, continuità operativa, produzione, miglioramento costante, assistenza e supporto tecnico, sviluppo ambientale e sostenibile. Tutti questi elementi hanno forti implicazioni in termini di sostenibilità: valutazione dei rischi dei fornitori; focalizzazione su processi rilevanti dei fornitori (soprattutto per quanto riguarda la continuità operativa); mitigazione dei rischi correlati all’ambiente, aspetti sociali e della qualità, riduzione dei rifiuti attraverso la soddisfazione di requisiti di sicurezza alimentare. Focalizzandoci su questi fattori, siamo in grado di promuovere una crescita sostenibile e di trovare opportunità e sinergie insieme ai nostri fornitori.

La categoria più rilevante per noi e per i nostri partner è quella delle materie prime. Lavorando con prodotti a base di fibra, l’approvvigionamento del legno e della carta riciclata è di importanza vitale.

L’approvvigionamento di materiali, beni e servizi rappresenta la voce di costo più importante per Smurfit Kappa, pertanto continuiamo ad investire in un processo dedicato alla mappatura del rischio per rivelare eventuali aree critiche nella filiera. Sulla base di queste controlli, possiamo affermare che il 90% dei nostri fornitori strategici di materie prime, beni e servizi primari comportano un rischio filiera classificabile da moderato a basso.